Il valore del broccolo

La professoressa Annika Axelsson è una docente dell’università di Lund in Svezia e ha fatto una scoperta interessante. Insieme alla sua equipe ha analizzato gli effetti benefici sul tessuto epatico dei pazienti con diabete di tipo 2 da parte di 4000 sostanze contenute  nei cibi tradizionali.

Ebbene è emerso che il sulforafano, contenuto nei broccoli, è risultato quello con i migliori risultati. A questo punto, nella fase successiva dello studio, il sulforafano è stato somministrato a 97 pazienti affetti da tipo 2 e si è constatato che la produzione di glucosio del fegato mostrava sensibili riduzioni con conseguenti valori più bassi di emoglobina glicata, soprattutto nei pazienti obesi.

Per chi fosse interessato ai dettagli della ricerca:

http://stm.sciencemag.org/content/9/394/eaah4477

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *